sabato 21 luglio 2012

Fossi stata a Firenze, non sarebbe successo


Madre: “Non mi dici niente?”
Courtney: “Ma cosa?”
Madre: “Guardami”
Courtney: “Cos’ha il vestito che non va?”
Madre: “Non vedi che ha le tasche dietro? E’ al contrario!”
Courtney: “Non è mica colpa mia se non sai vestirti!”
Madre: “Voi non mi guardate mai. Mai, mai”
Courtney: “Ma voi chi? Ci siamo solo io e la gatta ed è risaputo che lei è una menefreghista”




Ecco.
Se fossi stata a Firenze non sarebbe successo.
E invece no.
Ho dovuto vendere il biglietto.
Una delle cose più tristi che abbia mai dovuto fare nella mia vita.
Vendere il biglietto del concerto di Alanis Morissette.
Dopo 10 anni.
10 anni che non la vedevo.
Le mie conoscenze di allora mi permisero addirittura di non pagare.
Bei tempi.
Ora mi rimane solo un biglietto sbiadito del 2002 e un messaggio in segreteria.
Non posso che soffocare il dispiacere in una vaschetta di gelato nutella e panna cotta ascoltando un loop incessante.




p.s. ho avuto la serata libera dal lavoro proprio ieri....isn't it ironic?

7 commenti:

  1. Guuuu ti capisco, anch'io a volte ho rischiato di non poter andare a dei concerti che aspettavo da tanto e ti sono solidale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie....non dovrebbe mai capitare. A nessuno

      Elimina
  2. Io finora ho saltato TUTTI i concerti a cui avrei voluto assistere, col rischio che non capiti più un'occasione del genere (Pulp, Stone Roses, quando cazzo mai torneranno in Italia?), e gli unici biglietti che ho in mano sono andati a finire due mesi avanti. Non ci devo pensare, a quel che mi sto perdendo, non ci devo pensare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capisco perfettamente , ma non disperare ..tornerà presto!

      Elimina
    2. Ferro. Non pensare a quello che ti stai perdendo.

      Elimina
    3. Nella. Lo spero. Lo spero davvero.

      Elimina
  3. Nutella e panna cotta sono un'ottima cura...soprattutto la prima :)

    RispondiElimina