mercoledì 9 gennaio 2013

A proposito di Courtney 7


Negli anni novanta mi ripromisi che un giorno mi sarei rasata a zero i capelli.
Mi sembrava un atto di estrema ribellione.
E alle elementari non si può pretendere di essere anticonformisti tatuandosi un rospo gigante sulla faccia.
Non negli anni novanta per lo meno.
Che poi, a pensarci bene, forse non sarebbe stata una grande idea.
Quella di rasarsi i capelli, intendo.
Perchè da qualche parte nella parte posteriore sinistra devo avere una bella cicatrice.
Cicatrice procuratami in uno dei miei massimi momenti di eroismo.
Camminavo all’indietro salutando una mia amichetta e all’improvviso un enorme, gretto, rozzo e antiestetico cassonetto dell’immondizia mi ha aggredita.
Mi ha colpita alla nuca stordendomi.
Non ricordo il colpo e nemmeno gli attimi seguenti.
Ricordo solo di non aver pianto e di essere corsa a casa di mio nonno a cercare la mamma.
Pronto soccorso, punti e la camicetta bianca da buttare.
Sembravo la vittima di un sacrificio umano offerto al dio caprone durante un rito satanico.
E vi dirò di più, il cassonetto è ancora a piede libero per il paese.
Chissà quante altre bambinette ha fatto sue vittime!
Insomma.
L’idea della rasatura rimase solo ipotetica e sopraggiunsero gli anni zero.
E nel duemilaeuno ebbi un’altra brillante idea.
La stessa settimana che Schumacher vinse il campionato di formula 1 con la Ferrari, avvenimento che ovviamente ignoravo, decisi di tingermi i capelli di un colore fluorescente.
Rosso fuoco per la precisione.
Quella mattina il bidello mi accolse così: “Brava! Tu sì che sei una fan della Ferrari!”
Un unico pensiero attraversò la mia mente: Schumacher, vaffanculo.


11 commenti:

  1. "nella parte posteriore sinistra devo avere una bella cicatrice" ... interessante ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nella rotondità superiore però, non quella inferiore!!!

      Elimina
  2. ma c'è almeno una taglia sul suddetto cassonetto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. c'è una taglia d'oro, ma si sa, in Italia l'omertà vince sempre sulla giustizia

      Elimina
  3. Pare che sia uno di quei carcerati che riceveranno un rimborso per le condizioni disumane in cui sono costretti a vivere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non dovrebbe lamentarsi, è nella sua natura vivere nell'immondizia!

      Elimina
  4. in Italia non c'è certezza della pena nemmeno per i cassonetti!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in Italia non v'è certezza alcuna

      Elimina
  5. Tze! Sti rifiuti della società! :D

    RispondiElimina
  6. Appendi una foto del cassonetto in giro per il quartiere.

    RispondiElimina